Tartare di pesce spada – Kung-Food

Antipasto raffinato e delicato o secondo piatto leggero ma assai saporito? La tartare di pesce spada soddisfa entrambe le esigenze e si presta ad essere proposta in diverse situazioni.

Per questa ricetta di mare occorrono pochi ingredienti, anche se le sue varianti, come vedremo in seguito, possono essere molteplici e a volte più elaborate. Serve ovviamente della polpa di spada (abbattuto per almeno 24 ore a non meno di -20° oppure congelato per almeno 96 ore nel freezer di casa), succo di lime e di limone, abbondante olio evo di ottima qualità, scalogno e dell’erba cipollina o della menta fresca per guarnire una volta impiattata la tartare.
Esistono numerose varianti della tartare di spada: c’è chi al posto dello scalogno utilizza un’arancia e chi invece preferisce utilizzare cubetti di avocado. Qualunque sia la vostra scelta, dopo aver scongelato in frigorifero il pesce spada, mettetelo a marinare in un’emulsione a base di olio, limone, lime, sale e pepe, per alcuni minuti. Ricordatevi, se volete fare davvero un figurone, di utilizzare un coppa pasta che renderà più gradevole l’aspetto finale del piatto.

INGREDIENTI Polpa di pesce spada: 300 g. 1 lime 1 limone 1 scalogno 3 cucchiai di olio extravergine di oliva 1 ciuffetto di erba cipollina Sale: q.b.

Pepe: q.b.

PREPARAZIONE TARTARE DI PESCE SPADA

Lavate con molta cura e delicatezza la polpa di pesce spada sotto l’acqua fresca corrente, dopo di che asciugatela con un panno pulito e disponetela su di un tagliere. Utilizzando un coltello molto affilato – e prestando quindi la massima attenzione – tagliate la polpa a piccoli cubetti, non più larghi di un centimetro, anche meno se riuscite. Spremete il limone e tenete da parte il succo ricavato e fate lo stesso con il lime.

Tritate molto finemente sia l’erba cipollina sia lo scalogno. Prendete una ciotola e mettete al suo interno lo scalogno, un pizzico di sale e uno di pepe, l’olio extravergine di oliva, il succo di limone e quello del lime. Mescolate bene questi ingredienti, quasi emulsionandoli, quindi aggiungete anche la polpa del pesce spada e lasciate che prenda sapore per un minuto o due. A questo punto impiattate la tartare di pesce spada, magari con l’aiuto di un coppa pasta, infine cospargete con l’erba cipollina sminuzzata.